TRIO BOBO

Posted on

{gallery}TRIO-BOBO{/gallery}

SCHEDA TECNICA
   
Titolo: PEPPER GAMES
Con: TRIO BOBO
Nell’ambito di: VISIONINMUSICA2017
Direzione artistica: Silvia Alunni
Data: 2 febbraio 2017
Luogo: Auditorium Gazzoli, Terni
Orario: 21
Ingresso: Intero €20 – Ridotto €17
Formazione:

Christian Meyer – batteria
Faso – basso
Alessio Menconi – chitarra

 

COMUNICATO STAMPA

Erri De Luca è una delle ultime incarnazioni di una figura che ha segnato la cultura del Novecento e che oggi sembra irrimediabilmente estinta: quella dell’intellettuale. Ossia, un artista che non limita il proprio campo d’azione alla pagina scritta, ma lo allarga alla società che lo circonda, cercando di incidervi un segno. Allo stesso tempo, De Luca è nato a Napoli («stonato», specifica lui) e la musica fa parte del suo DNA. Per far venire fuori questa passione segreta, ci voleva un musicista come Stefano Di Battista: un jazzista che non si è mai limitato al jazz, ma ha sempre guardato con curiosità in tutte le direzioni, anche le più inaspettate (lo provano le sue numerose partecipazioni al Festival di Sanremo). Insieme, De Luca e Di Battista hanno prodotto La musica insieme, uscito presso Feltrinelli come libro, DVD e CD. Riflessioni, canzoni, musiche, poi diventate uno spettacolo teatrale a tutto tondo.

“Stefano Di Battista, sassofonista giramondo, mi ha chiesto tramite l’amico Michele Afferrante, una scrittura da mettere in musica. Stavo raccogliendo pagine per un nuovo libretto di poesie, ma nessuna delle pronte era adatta. Una sera in una città di mare mi è venuta una pagina sul Mediterraneo: ‘Essere di Medit’. Era quella giusta e l’ho trasmessa a Stefano. Pochi giorni dopo mi ha chiamato per farmela sentire, musicata da Maurizio Fabrizio e cantata da Nicky Nicolai. Quella pagina si era trasfigurata nelle onde sonore di una mareggiata musicale.” (Erri De Luca)

ll Trio Bobo è il progetto fusion ideato e creato dai musicisti della sezione ritmica di Elio nel 2004, ovvero Faso al basso e Meyer alla batteria, assieme al celebre chitarrista Alessio Menconi alla chitarra, con cui l’anno seguente rilasciano l’omonimo debutto composto da pezzi “inventati nella cantinetta di Faso”. Vi è anche una guest star la cui presenza non è una sorpresa: lo stesso Elio al flauto in Acid Bobo come comparsa d’onore.
Il progetto è dichiaratamente creato per divertirsi e condividere la comune grande passione per la musica, ma anche per migliorare le proprie capacità e realizzare buona musica in contrasto con la banalizzazione e commercializzazione del mainstream, dice infatti Meyer: “il Trio Bobo è quel piccolo “gioco” dove noi possiamo ritrovarci a suonare quello che amiamo e che cerchiamo di difendere dal mostro della musica commerciale, dalla musica moderna che ormai non riusciamo quasi più a seguire. E’ un via di fuga che ci dà l’ossigeno e la motivazione per continuare a suonare con i nostri strumenti, a cercare di migliorare musicalmente, a metterci sempre alla prova. E’ una specie di laboratorio familiare…”.
La loro musica è strumentale e il Trio Bobo si dimostra capace di trovare il giusto equilibrio fra tecnica ed espressività. Gli stessi membri dichiarano di essere molto auto-critici su questo punto e di non apprezzare gli esibizionismi che non comunicano nulla, al punto da ascoltare e riascoltare continuamente le proprie registrazioni per trovare i punti deboli e aggiustarli. Uno degli intenti del gruppo è di non “comporre musica jazz” e basta, ma di comporre musica “totale”, come loro la definiscono. Ogni traccia è dinamica, varia, l’impianto ritmico si dimostra versatile e la progressione sonora è vivace. Ad ogni variazione di registro di Faso, Meyer sa rispondere con il suo basso nel dettare il filo conduttore da seguire e Menconi si inserisce in perfetta sintonia; così a sua volta, la sua Fender può suggerire le coordinate su cui sviluppare il resto del brano. Il disco è in ogni caso perfettamente lineare e scorre fluido, senza incappare in momenti di stanca e mantenendo sempre forte vitalità e carisma.
www.facebook.com/triobobo

 

RASSEGNA STAMPA

 

RASSEGNA VIDEO

[spvideo]https://www.youtube.com/watch?v=p9M9-Pti5mU[/spvideo]

 

 

 

 

Elisabetta Castiglioni