TRIO BOBO

Posted on

{gallery}TRIO-BOBO{/gallery}

SCHEDA TECNICA
   
Titolo: PEPPER GAMES
Con: TRIO BOBO
Nell’ambito di: VISIONINMUSICA2017
Direzione artistica: Silvia Alunni
Data: 2 febbraio 2017
Luogo: Auditorium Gazzoli, Terni
Orario: 21
Ingresso: Intero €20 – Ridotto €17
Formazione:

Christian Meyer – batteria
Faso – basso
Alessio Menconi – chitarra

 

COMUNICATO STAMPA

 

ll Trio Bobo è il progetto fusion ideato e creato dai musicisti della sezione ritmica di Elio nel 2004, ovvero Faso al basso e Meyer alla batteria, assieme al celebre chitarrista Alessio Menconi alla chitarra, con cui l’anno seguente rilasciano l’omonimo debutto composto da pezzi “inventati nella cantinetta di Faso”. Vi è anche una guest star la cui presenza non è una sorpresa: lo stesso Elio al flauto in Acid Bobo come comparsa d’onore.
Il progetto è dichiaratamente creato per divertirsi e condividere la comune grande passione per la musica, ma anche per migliorare le proprie capacità e realizzare buona musica in contrasto con la banalizzazione e commercializzazione del mainstream, dice infatti Meyer: “il Trio Bobo è quel piccolo “gioco” dove noi possiamo ritrovarci a suonare quello che amiamo e che cerchiamo di difendere dal mostro della musica commerciale, dalla musica moderna che ormai non riusciamo quasi più a seguire. E’ un via di fuga che ci dà l’ossigeno e la motivazione per continuare a suonare con i nostri strumenti, a cercare di migliorare musicalmente, a metterci sempre alla prova. E’ una specie di laboratorio familiare…”.
La loro musica è strumentale e il Trio Bobo si dimostra capace di trovare il giusto equilibrio fra tecnica ed espressività. Gli stessi membri dichiarano di essere molto auto-critici su questo punto e di non apprezzare gli esibizionismi che non comunicano nulla, al punto da ascoltare e riascoltare continuamente le proprie registrazioni per trovare i punti deboli e aggiustarli. Uno degli intenti del gruppo è di non “comporre musica jazz” e basta, ma di comporre musica “totale”, come loro la definiscono. Ogni traccia è dinamica, varia, l’impianto ritmico si dimostra versatile e la progressione sonora è vivace. Ad ogni variazione di registro di Faso, Meyer sa rispondere con il suo basso nel dettare il filo conduttore da seguire e Menconi si inserisce in perfetta sintonia; così a sua volta, la sua Fender può suggerire le coordinate su cui sviluppare il resto del brano. Il disco è in ogni caso perfettamente lineare e scorre fluido, senza incappare in momenti di stanca e mantenendo sempre forte vitalità e carisma.
www.facebook.com/triobobo

 

RASSEGNA STAMPA

 

RASSEGNA VIDEO

[spvideo]https://www.youtube.com/watch?v=p9M9-Pti5mU[/spvideo]