Prorogata fino al 30 maggio l’esposizione di Muntadas a Roma

Posted on

Prorogato fino al 30 maggio il progetto espositivo di
ANTONI MUNTADAS
PROTOCOLLI E DERIVE VENEZIANI

Real Academia de España en Roma
Piazza San Pietro in Montorio, 3 (Gianicolo)

La mostra è visitabile da martedì a domenica dalle 10.00 alle 18.00
Ingresso libero

Data la cospicua affluenza e il grande interesse dimostrato dal pubblico, è stata prorogata fino al 30 maggio p.v. l’originalissima esposizione dal titolo PROTOCOLLI E DERIVE VENEZIANI del grande artista Antoni Muntadas presso gli spazi della Real Academia de España en Roma.

Tra i principali pionieri della video arte, Muntadas ha unito ai suoi scatti segreti dell’affascinante città lagunare un documentario – presentato per la prima volta all’interno della 72. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica – che ne ripercorre le sue caratteristiche più inesplorate: è così che tubi, aperture, tombini, finestre chiuse, sembrano possedere una logica propria e raccontano la città attraverso le tracce di un’antica attività edilizia.

Come afferma Muntadas, presente a Roma lo scorso 14 aprile in occasione dell’inaugurazione e di alcuni workshop per gli studenti dell’Accademia delle Belle arti, “la particolare configurazione di questa città storica la rende un interessante oggetto di studio e riflessione, di cui ho potuto godere in prima persona, come osservatore esterno, avendovi trascorso per lavoro tre mesi all’anno dal 2004 ad oggi.”

Nell’esposizione, come anche nel filmato, vengono evidenziate le peculiarità dell’abitare lontano dalla terraferma: un racconto per immagini, fisse e in movimento, che rendono il panorama veneziano misterioso e al contempo affascinante, caratterizzato da una quasi totale mancanza di individui, al contrario di quanto siamo abituati a rilevare.

Dipartimento culturale Real Academia de España en Roma: Cristina Redondo
+39 06 5812806 – cristina.redondo@maec.es

Ufficio stampa: Elisabetta Castiglioni
Tel: +39 06 3225044 – 328 4112014 – info@www.elisabettacastiglioni.it

Elisabetta Castiglioni