COMBATTIMENTI

 
 

SCHEDA TECNICA

   
Titolo: COMBATTIMENTI 
Musiche di: Giorgio Battistelli, Claudio Monteversi, Claudio Ambrosini
Data: 11 novembre 2017
Luogo: Teatro Palladium
Orario: ORE 20.00 INCONTRO CON GLI ARTISTI
ORE 21.00 SPETTACOLO
Ingresso: €15-€10-€5
Uno spettacolo del Festival Nuova Consonanza
In co-produzione con: Reate Festival, Opera In Canto, Roma Sinfonietta, Fondazione Roma Tre - Teatro Palladium

 

COMUNICATO STAMPA

 

Sarà Combattimenti spettacolo di teatro musicale con musiche di Claudio Monteverdi, Giorgio Battistelli e quelle in prima assoluta di Claudio Ambrosini per la regia di Cesare Scarton ad inaugurare il 54° Festival di Nuova Consonanza sabato 11 novembre (ore 21) al Teatro Palladium. Progetto nato dalla collaborazione di più istituzioni, in occasione dei 450 anni della nascita di Claudio Monteverdi, padre di ogni modernità musicale, Combattimenti muove da una delle sue pagine più note (Combattimento di Tancredi e Clorinda del 1624), primo e riuscitissimo tentativo di tradurre in musica l’affetto dell’ira guerresca, già così musicalmente reso nelle ottave del Tasso. Ad essa si associano due nuove pagine, una recente e una recentissima e nata per l’occasione: ne è ideale “continuazione” Tancredi appresso il Combattimento (2017), in cui Claudio Ambrosini, per la drammaturgia di Vincenzo De Vivo, “rilegge” le ottave seguenti del Tasso. Ne riprende invece la concitazione bellica, legandola alle sonorità della più ‘guerresca’ delle famiglie degli strumenti musicali, Orazi e Curiazi (1996) di Giorgio Battistelli, spettacolare “azione” per due percussionisti. Ne sono interpreti l’Ensemble In Canto e Tetraktis Percussioni diretti da Fabio Maestri, con le voci soliste di Sabrina Cortese, Daniele Adriani e Roberto Abbondanza.

Lo spettacolo sarà introdotto da un incontro con gli artisti in Teatro alle ore 20, coordinato da Lucio Gregoretti presidente dell’Associazione Nuova Consonanza.

“Immaginiamo di trovarci di fronte a un grande affresco di cui alcune parti siano andate perdute – racconta Ambrosini sulla sua nuova partitura -: qui affiora una mano che regge una spada, lì un volto (forse di uomo, forse di donna), più in là si nota il luccichio di un’armatura e, più sotto, quelli che sembrano gli zoccoli di un cavallo… L’occhio vaga alla ricerca di un filo narrativo, di una trama, tastando qui e là, ‘ascoltando’ con lo sguardo, immaginando e a poco a poco rivivendo una storia. Del poema di Tasso in realtà qui non manca niente, non è qui la questione. I ‘vuoti’ se mai vengono dalla nostra distanza, più che temporale, di linguaggio, di passo: per Monteverdi era la lingua poetica del suo tempo, per noi è di ‘quel tempo. Una distanza superabile forse solo applicando uno sguardo ‘prospettico’: che la sottolinei, la faccia diventare un elemento strutturale. Che talvolta la aumenti, persino, e allo stesso tempo la evidenzi come magnifico punto di partenza. Ecco quindi, nell’accingersi a metterlo in musica, un primo sentiero praticabile: (ri-)dare spazio al piano letterario facendolo ‘agire’, diventare protagonista, in alternanza con quello musicale. Entrando e uscendo, muovendosi tra il livello della parola e quello del suono e del canto, a tratti staccati di quel tanto che basta per farne una reciproca cartina di tornasole. Una seconda differenza è insita nel racconto stesso: quelle usate da Monteverdi sono ottave protese: sono ‘azione’, che inarrestabilmente precipita verso il suo tragico esito. Quelle che seguono al combattimento sono invece ottave retrotese, retrovisive, retrogradanti… sono agnizione, ripensamento, rammarico. Al pieno della lotta si sostituisce il vuoto del lutto e la nostra posizione di astanti cambia ancora di ruolo e di colore. Monteverdi è da sempre uno dei miei compositori preferiti e sono particolarmente grato a Fabio Maestri e a OperaInCanto per questo stimolante/sgomentante invito: un’esperienza davvero unica”.

“La mia partitura di ‘Orazi e Curiazi’ – racconta Battistelli - si sviluppa sull’idea di una narrazione, con suoni concreti e metafisici, di uno dei più affascinanti miti della storia dell’antica Roma. Una delle storie che più hanno arricchito il nostro immaginario: il duello fra gli Orazi (una delle famiglie romane che guidava Roma, allora poco più di un villaggio, nei giorni successivi alla fondazione e campioni della città); e i Curiazi (campioni della vicina città rivale Albalonga). È il duello dove il corpo e la voce dei due interpreti, il timbro e il ritmo delle percussioni divengono elementi di una drammaturgia fantastica.

Il 54° Festival di Nuova Consonanza che proseguirà fino al 20 dicembre è realizzato con il contributo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo – Direzione Generale Spettacolo e Direzione Generale Biblioteche e Istituti Culturali, della Regione Lazio – Assessorato alla Cultura e alle Politiche Giovanili e di Roma Capitale - Assessorato alla Crescita culturale, nell’ambito dell’Avviso pubblico “Contemporaneamente Roma 2017”, con il sostegno della SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori. Anche quest’anno proseguono le coproduzioni e collaborazioni prestigiose come quelle con la Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, il MACRO, Zétema, l’Ambasciata degli Stati Uniti d’America in Italia, il Festival Romaeuropa, il Reate Festival, Roma Sinfonietta, Opera InCanto, la Fondazione Teatro Palladium – Università degli Studi Roma Tre, l’Orchestra Sinfonica Abruzzese, il Conservatorio di Musica Santa Cecilia di Roma e il Conservatorio di Musica Ottorino Respighi di Latina, il Goethe-Institut Rom, il Forum Austriaco di Cultura a Roma e, per la prima volta, il Teatro di Roma, a sancire ancora una volta la dimensione interculturale del fare musica oggi.

COMBATTIMENTI
In occasione dei 450 anni dalla nascita di Claudio Monteverdi

ORE 20.00 INCONTRO CON GLI ARTISTI

ORE 21.00 SPETTACOLO

Giorgio Battistelli (1953)
Orazi e Curiazi (1996) azione per due percussionisti

Claudio Monteverdi (1567-1643)
Combattimento di Tancredi e Clorinda (1624)
dai Madrigali guerrieri, et amorosi, Ottavo libro
versi di Torquato Tasso

Claudio Ambrosini (1948)
Tancredi appresso il Combattimento* (2017)
madrigale drammatico su versi di Torquato Tasso
drammaturgia di Vincenzo De Vivo
(commissione OperaInCanto – Reate Festival)


Cesare Scarton regia

Sabrina Cortese soprano (Clorinda)
Daniele Adriani tenore (Tancredi)
Roberto Abbondanza baritono (Testo)

Tetraktis Percussioni
Gianni Maestrucci, Gianluca Saveri percussioni

Ensemble In Canto
David Simonacci, Gabriele Benigni violini barocchi, Lorenzo Rundo viola barocca, Andrea Lattarulo violoncello barocco, Fabrizio Cardosa violone, Stefano Maiorana chitarrone, Gabriele Catalucci (Monteverdi), Silvia Paparelli (Ambrosini) clavicembalo, Giulio Calandri percussioni
Fabio Maestri direttore

GDO – Gruppo Danza Oggi
coreografia di Daniele Toti
Tancredi Daniele Toti
Clorinda Silvia Pinna

Maria Rossi Franchi scene
Flaviano Pizzardi motion capture e video
Giuseppe Bellini costumi
Andrea Tocchio luci

Silvia Alù assistente alla regia
Silvia Paparelli, Carlo Podestà maestri collaboratori
Graziano Albertella direttore dell’allestimento scenico
Massimo Guarnotta elettricista • Leonardo Bellini, Marco Ena macchinisti

Lo spettacolo sarà presentato al pubblico venerdì 10 novembre dalle ore 15 alle ore 17, presso il Dams -Università degli Studi Roma Tre
Combattimenti in musica: dal moderno al contemporaneo
intervengono:
Paola Besutti, docente di Storia della musica (Università di Teramo)
Raimondo Guarino, docente di Storia del teatro (Università Roma Tre)
Giuseppe Leonelli, docente di Letteratura italiana (Università Roma Tre)
Cesare Scarton (regista)

in coproduzione con
Reate Festival, Opera In Canto, Roma Sinfonietta, Fondazione Roma Tre - Teatro Palladium

 


 

RASSEGNA STAMPA

 

RASSEGNA VIDEO

 



 

 

 

 

 

0
0
0
s2smodern

Eventi

Un progetto ideato da Adriano Aprà sulla tendenza “neosperimentale” del cinema italiano, documentario e ...
Leggi tutto
A 100 anni dalla Rivoluzione d'Ottobre una maratona culturale  ne ripercorre il cammino ...
Leggi tutto
In occasione dei 450 anni dalla nascita di Claudio Monteverdi il Festival Nuova Consonanza propone al Palladium ...
Leggi tutto
Giunge alla sua terza edizione la rassegna internazionale dedicata al cortometraggio socio-giuridico del ...
Leggi tutto
Dal labirinto creativo di Anton Cechov una elaborazione drammaturgica orginale ad opera della Compagnia Le Belle ...
Leggi tutto
Prev Next

Calendario

Novembre 2017
LuMaMeGiVeSaDo
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930

Media Gallery

Vai alla galleria video degli eventi passati

JoomShaper

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.